Every little step counts [ENG] / Passo dopo passo…[ITA]

2000px-Flag_of_the_United_Kingdom.svg [English version]

Where should I start? Hi everyone, I am Italian, I live in London, I am in my early thirties, and I am in the middle of this tiring and heart-breaking journey called IVF (ICSI to be precise!).

With this blog I just want to share what I am going through, try to be positive, share my experience, and encourage all of us who are going through all this pain.

The truth is that IVF is tough, very tough, extremely tough, so tough that I often feel powerless and hopeless and think I cannot cope with it, that is too much for me. “You need to be strong”, “try to be positive”, “never give up”, …they say. Yes, but how?? This is what I constantly ask myself: how? My weakness (and my strength) is that I am very result-oriented, I am very organized, very determined, and I work very hard when I want to reach something. The problem is that pregnancy is something that we just cannot control. We simply can’t. It is so hard to accept but it is the truth.

I have ups and downs, moments when I feel devastated and others when I keep my fingers crossed while hoping for the best. And then it starts all over again like a roller-coaster. After failures I always have the impression that I haven’t achieved anything and that no progress has been made since I started this journey. This is just so depressing and hard.

But this is a wrong thought and thinking this way is just bad for me and whoever is doing IVF. I’m now trying to approach IVF in another way: the journey is hard, long, but step by step I get closer to the end of it. If my FET fails, even if my entire ICSI cycle fails, it does not mean I am exactly in the same position as I was when I started. Why? For instance, after these failures, I know much more about the process and what to expect, and the doctors can learn from what happened, they can better dose injections, they can transfer a blastocyst instead of a morula or vice versa, and so on.

We really need to stop focusing on the future, on all the steps that we still need to do. I know how hard it is, but we need to focus on the present and on what we must do now. We need to go ahead step by step because every little step counts…

We just need to be strong and keep going and keep living our lives despite everything.

IVF Scrapbook x

 

Focus on the good

 

2000px-Flag_of_Italy.svg [Italiano]

Ciao a tutti, da dove iniziare? Sono italiana, vivo a Londra, ho 31 anni e sono nel bel mezzo di quel perscorso stancante e devastante chiamato IVF (piu’ precisamente ICSI nel mio caso).

Con questo blog, voglio convidire la mia esperienza e cercare di dare positivita’ e coraggio a me stessa e a chi come me sta affrontando tutto questo…

La verita’ e’ che dover ricorrere all’IVF e’ davvero duro, molto duro, cosi’ duro che spesso mi sembra davvero di non farcela. Tutti mi dicono che devo essere forte, che non devo mai rinunciare al mio obiettivo, e che non mi devo focalizzare su questa cosa ma concentrami su altro… Si ma come si fa? Sono sicura che chiunque stia facendo questo percorso mi possa capire: come si fa a pensare ad altro? Il mio problema e’ che voglio sempre poter controllare tutto, sono una persona molto determinata, molto organizzata, e mi impegno sempre al massimo per raggiungere i miei obiettivi. Parlo di “problema” perche’ la gravidanza e l’IVF sono cose che purtroppo noi non possiamo controllare. E’ davvero duro da accettare, ma e’ cosi e ormai ne ho preso consapevolezza. Posso influenzare questo percorso quanto voglio, posso aumentare un pochino le probabilita’ di successo, posso evitare di bere caffe’, posso prendere tutte le medicine in circolazione, ma e’ e restera’ sempre una cosa fuori dal mio controllo.

Durante questo percorso pero’ (per fortuna) non ho solo momenti bui: vado ad alti e bassi. Ci sono momenti, periodi (anche molto lunghi) di totale disperazione, dove mi sento davvero devastata, dove il mio cuore e’ a pezzi e io faccio davvero fatica a rimetterli insieme. Altri invece dove tengo le dita incrociata e sento di avere qualche possibilita’, qualche speranza.

Dopo i vari fallimenti mi sembra sempre di non aver concluso nulla, di non aver fatto nessun passo avanti rispetto a quando questo percorso e’ iniziato. Ma non e’ cosi! Si tratta di un modo di ragionare e pensare sbagliato, che non fa altro che farci del male, senza portare a nulla di buono. Se un transfer finisce male, se un intero ciclo di ICSI finisce male, non vuol dire che questi tentativi non siano serviti a nulla. Grazie a queste esperienze, per esempio, abbiamo preso molta piu’ consapevolezza del percorso, sappiamo cosa aspettarci e i dottori possono imparare da quanto accaduto migliorando le terapie (per esempio cambiato le dosi delle medicine, decidendo di trasferire una blastocisti anziche’ una morula o viceversa).

L’IVF e’ un percorso che va vissuto a piccoli passi, concentrandosi (per quanto possibile) sul presente e sullo step che si sta affrontando ora, senza lasciare che la mente corra troppo, senza focalizzarsi su tutto cio’ che si deve ancora fare per arrivare all’obiettivo… So che e’ facile a dirsi (e io sono la prima a far sempre il contrario!), ma ci si deve davvero sforzare a viverlo passo dopo passo

Dobbiamo davvero essere forti e proseguire per la nostra strada, cercando pero’ allo stesso tempo di vivere le nostre vite nonostante tutto…

IVF Scrapbook x

Advertisements
Categories UncategorizedTags , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Create your website at WordPress.com
Get started
%d bloggers like this:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close